TENS: la terapia che allevia il dolore attraverso impulsi elettrici

Vediamo in breve che cos’è, quando si usa, quali sono i benefici e gli effetti collaterali, le controindicazioni, e come effettuare il posizionamento degli elettrodi per ridurre al minimo l’invasività del trattamento.

terapia tens for me

Che cos’è la TENS terapia?

La TENS terapia o stimolazione elettrica nervosa transcutanea è una metodologia terapeutica che prevede l’utilizzo di un elettrostimolatore (un piccolo dispositivo a batteria) a cui sono collegati dei cavi aventi alle estremità degli elettrodi. Questi ultimi, vengono poi fissati alla pelle del paziente attraverso dei cuscinetti adesivi e una volta che il dispositivo viene acceso, una corrente continua di impulsi elettrici a bassa intensità inizia a stimolare l’area interessata.

Gli impulsi elettrici permettono di ridurre i segnali di dolore che, dal sistema nervoso, sono diretti al midollo spinale e al cervello. In altre parole, la TENS è in grado di produrre un effetto antalgico e può farci sentire sollevati dal dolore in modo immediato e per diverse ore.

Quando si usa?

La TENS è particolarmente indicata nei seguenti casi:

  • Dolori muscolo-scheletrici e articolari (in larga parte derivanti da traumi sportivi)
  • Dolori post-operazione
  • Dolori mestruali 
  • Dolore pelvico e dolore post-gravidanza
  • Mal di collo e mal di schiena (cervicalgia, lombalgia e lombosciatalgia)
  • Fibromialgia
  • Artrite
  • Tendiniti e borsiti

Per quanto riguarda i dolori muscolari, è opportuno valutare insieme al team di specialisti di For Me, che saprà indicarti la soluzione più adatta in relazione al caso specifico.

TENS terapia: i benefici e gli effetti collaterali

Oltre ad essere un metodo non invasivo capace di modificare la nostra percezione del dolore, la TENS stimola il nostro corpo a produrre antidolorifici naturali, le cosiddette endorfine. In determinati casi, rappresenta una valida alternativa all’assunzione di farmaci della categoria FANS, i quali possono creare dipendenza e causare effetti collaterali sullo stomaco e sul fegato.

Diverse evidenze scientifiche mostrano che la durata del sollievo dal dolore aumenta dopo ripetuti trattamenti TENS. Tuttavia, troppe sedute terapeutiche possono aumentare la probabilità che una persona sviluppi una tolleranza al trattamento.

La TENS è considerata una terapia sicura e, oltre ad essere utilizzata nel mondo della fisioterapia, può essere utilizzata anche come trattamento complementare ad altri approcci terapeutici per la gestione del dolore.

Gli effetti collaterali causati dagli impulsi elettrici a bassa frequenza sono rari e di lieve entità: formicolio, ronzio, sensazione di prurito, arrossamento ed irritazione della pelle dovuti ai cuscinetti adesivi. In quest’ultimo caso, per ovviare al problema, si possono utilizzare dei cuscinetti ipoallergenici.

Quando evitare la TENS? Quali sono le controindicazioni?

La terapia TENS è una metodologia sicura, non c’è dubbio. Tuttavia, alcune categorie di soggetti non devono utilizzarla:

  • Donne in gravidanza
  • Persone con problemi cardiaci
  • Persone con un pacemaker o con altri dispositivi medici impiantabili attivi
  • Persone epilettiche: gli impulsi elettrici potrebbero causare convulsioni.
  • Persone con trombosi venosa profonda o tromboflebite.
  • Persone con una malattia emorragica o con tessuto sanguinante attivo.
posizionamento elettrodi for me

Posizionamento degli elettrodi: come si effettua?

L’efficacia della TENS dipende per il 70% da come vengono posizionati gli elettrodi. È un fattore determinante. I terapisti, oltre a regolare intensità, frequenza e durata, devono conoscere profondamente le aree in cui posizionare gli elettrodi.

Innanzitutto, occorre sempre assicurarsi che il dispositivo elettronico sia spento prima di applicare gli elettrodi sulla pelle.

I cuscinetti vanno posizionati ad almeno 2,5 cm di distanza (circa un pollice). 

  • Non applicare i cuscinetti su tessuti infetti, ferite, vene varicose o aree di tessuto recentemente trattate con radiazioni
  • Non posizionare assolutamente gli elettrodi sulla parte anteriore del collo o degli occhi, sulla testa o vicino alla bocca. Ciò potrebbe causare spasmi o gravi lesioni.
  • Non posizionare gli elettrodi vicino a organi riproduttivi o genitali


In For Me Centro Medico puoi contare su un team di fisioterapisti, osteopati, massofisioterapisti, Personal Trainer e Medici Specialisti che collaborano ogni giorno allo scopo di mettere al primo posto il tuo benessere.